Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.Ulteriori informazioniAccetto
Prontostampa - stampa digitale
Carne diem

Clicca per ingrandire

Carne diem

Autore: Federico Romagnoli
Editore: Zona

Prezzo: 10,00 Eur

Anno: 2010
Formato: 15x21
Pagine: 68
Genere: Poesia e teatro
ISBN: 9788864381039

Carne diem è una raccolta poetica suddivisa a sua volta in tre parti: L'ano della bestia, Macchina a odore, e Madrigalli. La prima parte è composta di diciassettine in versi imparisillabi, la seconda di tradizionali sonetti e la terza di madrigali di stile trecentesco. Si cerca in questo modo il connubio tra la grande tradizione poetica (il madrigale e in particolare il sonetto) e una forma nuova di sperimentazione personale (la diassettina) per affrontare il grande tema del corpo umano – la carne appunto – nelle sue sfaccettature erotiche in primis, ma anche politiche e socioculturali. L'opera consta in totale di quarantuno poesie e tre piccole prose. I disegni sono opera del pittore Marco Acquafredda, mentre le citazioni rendono il giusto omaggio alle maggiori fonti ispiratrici. «Regolati sull'ora della carne», scrive Federico Romagnoli: constatazione e imperativo necessari durante i tre tempi del Carne diem. L'«ora della carne» ritorna infatti al «primordiale», a L'an(n)o della bestia, dove «bestia» segue «bestia», reciprocamente annusandosi «l'ano», fiutando un «odore» “cloroconformizzante”. È il richiamo della natura, che induce allacompenetrazione, mutare in un «affascinante animale a due schiene». Ma il meccanismo che questa Macchina a odore mette in «ricircolo» è gratuito ed infecondo: non riproduce che se stesso, per il puro (sod)disfacimento della «carne». Richiama alla natura, ma contro natura diventa una «febbre ». L'«amo» nasce infatti dall'«ano», perché l'«ano» è l'«amo» cui tutti abboccano, che «tutti presto ingolla», pcui non v'è altro o veltro o filtro che tenga. È il «cavo coassiale» di «fede» che «spopola», quanto insomma consente la trasmissione, l'andare «à», fino all'avvenente (con)fusione dei Madrigalli, che blocca la vita nascere. Quell'«idea fissa» con cui Beltrami avrebbe voluto tradurre il «voler»arnautiano, diventa «fisso» che si avvita su se stesso, mettendo in «croce» il corpo stesso della «voce», fino alla «scomunicazione». «In verità, in verità sto zitto»: è con questa «frigida» (pru)riti (formu)laici che invitano alla «guerra» dei «sensi», (re)incarnazione dell'attimo, chel'autore si consegna al lettore. Con una poesia, cioè, che si fa “verbo” (contro ogni “merinismo”) e che di quel “verbo” mette in luce il negativo. Del tentato «carnevale», resta la rivelazione («ammetto la mia colpa») d'una «maschera» appiccicosa («persevero perverso»). (Federico Scaramuccia, L'ora della carne)

Questo prodotto è stato aggiunto al nostro catalogo il Tuesday 18 September, 2012.
Indietro Recensioni Aggiungi al carrello
Novità
Recensioni
I Love Books è un marchio di C.N.S. srl - Viale Cavour n.1 - 24047 - Treviglio (BG) - P.IVA 07980410968