Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.Ulteriori informazioniAccetto
I Love Print - stampiamo per passione
Claudio Morganti

Clicca per ingrandire

Claudio Morganti

Autore: Donatella Orecchia / Mariapaola Pierini
Editore: Zona

Prezzo: 18,00 Eur

Anno: 2004
Formato: 20 cm
Pagine: 176
Collana: Pedane Mobili
Genere: Poesia e teatro
ISBN: 888757880X

E' dedicata ad uno dei teatranti tra i più geniali della scena contemporanea, attore-autore di grande intensità e rigore stilistico, la monografia della collana "Pedane Mobili. Quaderni per la ricerca teatrale", diretta per ZONA dal prof. Franco Vazzoler dell'Università di Genova. Il volume "Claudio Morganti" è scritto e curato da Donatella Orecchia e Mariapaola Pierini: ricostruisce e contestualizza la carriera dell'artista, scandagliandone le tappe, le scelte, la poetica, alla luce di quella particolare idea di teatro di cui Morganti è interprete e artefice: un teatro della contraddizione, "dove - scrive Donatella Orecchia - l'elemento del conflitto e dove il radicamento nella concretezza (della scena e del proprio mestiere, ma anche, e soprattutto, della realtà storica, sociale e politica contemporanea) sono centrali". Il nuovo spettacolo di Morganti - L'amara sorte del servo Gigi, da Beckett, in questi primi mesi del 2005 nei teatri italiani - è l'ultimo approdo di un appassionante percorso artistico e di ricerca, iniziato prima a Genova alla scuola di Carlo Cecchi e poi, dal 1980, con Alfonso Santagata e la compagnia Katzenmacher, con cui Morganti ha dato vita a spettacoli che sono ormai vere e proprie pietre miliari del teatro italiano contemporaneo: Katzenmacher, Büchner mon amour, En passant, Il Calapranzi (regia di Carlo Cecchi), Mucciana city, Hauser Hauser, Dopo, Saavedra, Pa ublié, Omsk, Il Guardiano. Già in Finale di partita (1990, regia di Alfonso Santagata) Morganti aveva interpretato "la nettezza crudele e astratta di Beckett, la sua stilizzazione bianca e raggelata, il raffinatissimo gioco di sottrazione al limite ultimo del silenzio" del grande drammaturgo irlandese: ed è innegabile che questi sia - insieme a Pinter, Artaud e ad altri capisaldi della tradizione più e meno recente - tra i maggiori riferimenti di Morganti. Sempre all'interno, però, di un atteggiamento critico che 'utilizza' la tradizione per portare alla luce le urgenze del presente, sperimentato fin dal proficuo sodalizio con Santagata. Dopo la separazione da colui che è stato per anni il suo alter-ego - quasi il naturale e sanguigno complemento (Santagata) di una figura più stralunata e fragile (Morganti), dalla cui unione scenica emanava un'energia che solo due potenti talenti individuali sanno scatenare - Morganti si addentra nella produzione di William Shakespeare: specialmente Riccardo III, ma anche Amleto, Otello, La tempesta, Giulio Cesare, accompagnano l'artista dal 1994 al 2000. "Io lavoro con Shakespeare, non su Shakespeare", dirà in un'intervista. Non potendo rinunciare a una dimensione civile del teatro - "perché il teatro civile riguarda la Storia e parla a tutto il mondo" -, Morganti rintraccia nelle figure e nelle vicende dell'opera shakespeariana i riferimenti più lucidi, solidi e attuali al potere e alle sue atrocità, ma anche ai maestri che, nel panorama più vicino, insieme a Cecchi, più gli sono cari: Leo De Berardinis e Carmelo Bene in modo particolare. L'ultimo capitolo della monografia di Donatella Orecchia e Mariapaola Pierini riguarda proprio L'amara sorte del servo Gigi: "è l'ultimo spettacolo - scrivono le autrici - di quella che potremmo definire l'ultima fase della carriera di Claudio Morganti", segnata "dalla volontà di scegliere il proprio cammino senza alcun compromesso". Il desolante decadimento del servo Gigi, impietosamente rappresentato da Morganti, è forse la metafora più fredda e spaventosa dell'amara sorte dell'attore, che "nel panorama culturale di questi anni (...) si dibatte tra l'oggettiva difficoltà di esistere e l'assoluta necessità di resistere". Dopo la monografia dedicata proprio ad Alfonso Santagata e alla compagnia Katzenmacher, scritta e curata da Cristina Valenti, ed in attesa del volume dedicato a Marco Baliani di Silvia Bottiroli, di prossima pubblicazione, la collana "Pedane Mobili" di Editrice Zona si arricchisce, grazie alla guida esperta di Franco Vazzoler ed al lavoro rigoroso di Donatella Orecchia e Mariapaola Pierini, di un altro prezioso contributo alla conoscenza dei maggiori autori e artisti del teatro italiano contemporaneo. Anche questo, come gli altri volumi della collana, si apre con un ricco capitolo di intense immagini di scena.

Questo prodotto è stato aggiunto al nostro catalogo il Monday 08 October, 2012.
Indietro Recensioni Aggiungi al carrello
Novità
Recensioni
I Love Books è un marchio di C.N.S. srl - Viale Cavour n.1 - 24047 - Treviglio (BG) - P.IVA 07980410968