Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.Ulteriori informazioniAccetto
I Love Print - stampiamo per passione
TRE LEZIONI DELLE TENEBRE

Clicca per ingrandire

TRE LEZIONI DELLE TENEBRE

Autore: Roger Caillois
Editore: Zona

Prezzo: 10.33 Eur

Anno: 1999
Formato:
Pagine: 96
Collana: Critica! Questioni per un Millennio
Genere: Saggistica
EAN: 0008887578079
ISBN: 000-8-88-757807-9

Cura e traduzione di Tomaso Cavallo. Pubblicate pochi mesi prima della morte, Tre lezioni delle tenebre costituiscono l'addio di Roger Caillois al "vivo chiarore delle nostre estati troppo brevi". Laiche e attualissime costituiscono il testamento spirituale di un pensatore convinto dell'esistenza di un monumento più duraturo del bronzo, benché impalpabile. Protagonista è ancora una volta la "scrittura delle pietre". I geroglifici, le immagini racchiuse nel mondo minerale sono mobilitate in questo caso per fornire una nuova fantastica genealogia del capolavoro düreriano Melencolia I, l'incisione che ha sostituito per sempre in ambito pittorico la semplice raffigurazione dell'indolenza e di un temperamento inferiore con la tragedia dello spirito umano. Roger Caillois. Nasce a Reims, il 3 marzo del 1913. Poliedrico uomo di cultura, viaggiatore instancabile, stringe amicizia e collabora con Breton, Aragon, Tzara. Fa parte del gruppo surrealista, dal quale si "congeda" nel 1934. In Argentina - dove ha fondato nel 1941 l'Institut Francaise di Buenos Aires - incontra Borges e Neruda. Ritorna in Francia alla fine del conflitto mondiale ed entra nel comitato della rivista "Confluence". Nel 1948 istituisce presso Gallimard una collana di autori latino-americani. Fonda nel 1952 la rivista "Diogène", alla quale collaborano Adorno, Horkheimer, Marcuse, Kereny, Starobinsky, Levi Strauss, Foucault. Responsabile e dirigente dell'Unesco sin dal dopoguerra, è accolto all'Acadèmie Francaise nel 1972. Muore a Parigi, nel 1978. Tra le sue opere maggiori Il mito e l'uomo e L'uomo e il sacro. Tomaso Cavallo. Piemontese di lingua occitana, da trent'anni vive a Pisa, dove ha studiato e dove ora insegna storia della filosofia moderna presso l'Università. Traduttore dal tedesco e dal francese ha curato versioni di testi di Hölderlin (Feltrinelli 1991), Hegel (Ibis 1990), E. Bloch (Garzanti 1994; Marietti 1996), Kerenyi (Cortina 1994), Menard, Baudelaire (Ets 1997), Diderot (Tep 1998). Collaboratore di numerose riviste, tra cui "Critica marxista", "Il Ponte", "Iride", "Teoria", "Immediati dintorni", "Rivista di Estetica", ha pubblicato saggi sulla scuola di Francoforte, Nietzsche, Colli, Foucault, Machiavelli, Erasmo e Moro.

Questo prodotto è stato aggiunto al nostro catalogo il giovedì 30 gennaio, 2014.
Indietro Recensioni Aggiungi al carrello

Il tuo carrello è vuoto

Indirizzo E-Mail:
Password:
Accedi con facebook
Novità
Recensioni
I Love Books è un marchio di C.N.S. srl - Viale Cavour n.1 - 24047 - Treviglio (BG) - P.IVA 07980410968