Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.Ulteriori informazioniAccetto
I Love Print - stampiamo per passione
Zona
WARTEN Diario di guerra e prigionia

Clicca per ingrandire

WARTEN Diario di guerra e prigionia

Autore: Olinto Fei
Editore: Zona

Prezzo: 10.00 Eur

Anno: 2014
Formato: 15x21 cm
Pagine: 98
Collana: ZONA Contemporanea
Genere: Narrativa
EAN: 9788864383651
ISBN: 978-8-86-438365-1

a cura di Moira Dal Vecchio e Barbara Riccarelli traduzione di Hannelore Wolfsheimer in copertina: Vito De Nicola, "L’acquerello in tinta blu", 2013 "Olinto, nel suo breve ma intenso ricordo scritto nelle trincee del Monte Nero, ci fa intuire di essere giunto al fronte nell’anno e nel mese peggiore degli oltre tre anni di guerra. Vi arriva probabilmente nei giorni fatali della più cocente sconfitta del nostro esercito e dalle parole laconiche ma che suonano anche di accusa nei confronti dei suoi comandanti «ora vi racconterò come erano i nostri superiori che è per loro che sono in queste mani», appare chiaro che si sta combattendo la dodicesima battaglia dell’Isonzo che passerà alla storia come la “disfatta di Caporetto”. Era il 24 ottobre 1917. Olinto ci parla anche di una nuova guerra, della guerra di trincea, ma anche di una guerra dove ancora vigevano i principi dell’onore del vinto, dove i prigionieri venivano trattati «come i suoi colleghi» riferendosi ai «bravi tedeschi» scrive Olinto. Chissà cosa avrà pensato l’autore di queste parole venti anni dopo quando avrà assistito all’Olocausto". (dalla Prefazione di Giulio Fè) Olinto Fei è originario di Torrita di Siena, in Toscana, dove è nato il 23 settembre 1897. Fu militante nella Prima Guerra Mondiale, assegnato al 2° Reggimento Bersaglieri. Combattè la Battaglia di Caporetto, durante la quale cadde prigioniero. Fu deportato in Germania, nel campo di lavoro di Hammelburg e liberato il 15 gennaio 1919. L'incubo della guerra e di quella terribile esperienza lo segnò profondamente, e non lo abbandonò mai per il resto della sua vita. Dopo una lunga malattia, venne a mancare il 23 novembre 1938.

Questo prodotto è stato aggiunto al nostro catalogo il giovedì 27 marzo, 2014.
Indietro Recensioni Aggiungi al carrello

Il tuo carrello è vuoto

Indirizzo E-Mail:
Password:
Accedi con facebook
Novità
Recensioni
I Love Books è un marchio di C.N.S. srl - Viale Cavour n.1 - 24047 - Treviglio (BG) - P.IVA 07980410968